L’età evolutiva spesso presenta disagi di difficile comprensione. I bambini esprimono ansie e difficoltà in maniera articolata: i comportamenti relazionali, alimentari, scolastici, sono lo strumento principale di espressione. E’ importante non sottovalutare i messaggi impliciti di disagio che possono emergere in tale fase di vita, e trattandosi di una fase di crescita psico-fisica determinante per lo sviluppo generale del bambino, diventa fondamentale agire in termini di prevenzione. L’intervento opportuno e tempestivo può garantire la remissione sintomatica del bambino e lasciare quindi spazio ad una crescita adeguata.

pscicoterapia-infantileL’età evolutiva richiede particolare attenzione al fine di poter effettuare la prevenzione di eventuali disturbi nel soggetto ancora bambino. La sintomatologia che un bambino può presentare è collegata ad un disagio psichico che egli stesso non riesce ad esprimere e/o a decodificare. L’intervento precoce del professionista può incidere in misura notevole per evitare uno sviluppo psichico alterato.
Spesso, dietro un sintomo del bambino, si cela un ambiente familiare poco armonico o conflittuale: è importante quindi che la famiglia intera si senta coinvolta in un eventuale percorso che metta in discussione tutti i membri del nucleo familiare.

neuropsichiatria-infantileBranca della medicina che si occupa dello sviluppo neuropsichico e dei suoi disturbi  nell’età compresa fra zero e diciotto anni.
I principali ambiti applicativi sono i seguenti:

  • neurologia dell’età evolutiva: epilessia, traumi cranici, malattie neuromuscolari;
  • psichiatria dell’età evolutiva: ritardo mentale, disturbi dell’apprendimento, autismo infantile e psicosi dell’età evolutiva, disturbi del comportamento alimentare, depressione nell’infanzia e nell’adolescenza, disturbi del comportamento dell’emotività e del funzionamento scolastico-sociale.

logopediaLa logopedia è la disciplina che si occupa della prevenzione, della valutazione e della riabilitazione del linguaggio e della comunicazione in età evolutiva, adulta e geriatrica.
Il logopedista è quindi il professionista che ha cura delle persone con disturbi del linguaggio scritto ed orale, della voce e della comunicazione in genere.
Per l’età evolutiva, il logopedista è una figura fondamentale di sostegno allo sviluppo del linguaggio, funzione cardine per un’armonica crescita cognitiva e sociale.
Nell’età prescolare, la patologia più diffusa è il Disturbo Specifico di Linguaggio (DSL) che necessita di un intervento precoce ai fini di consentire al bambino un corretto livello comunicativo e di prevenire l’insorgenza in età scolare di un Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA).
Per l’età adulta ed involutiva, il logopedista aiuta l’individuo ad affrontare e superare le difficoltà comunicative che possono derivare da malattie neurologiche, sindromi o eventi traumatici.

psicodiagnostica-età-evolutivaL’intervento psicoterapeutico e/o psicoeducazionale viene preceduto da una accurata valutazione (assessment) del singolo caso, che ha come scopo l’identificazione delle aree problematiche, l’individuazione delle informazioni necessarie a concettualizzare il problema e a determinare il livello di funzionalità attuale, il monitoraggio dell’andamento del trattamento e gli effettivi risultati raggiunti.

In particolare vengono effettuate le seguenti prestazioni psicodiagnostiche, psicoterapeutiche e riabilitative:

  • somministrazione di specifiche batterie di test psicodiagnostici, effettuati con l’intento di approfondire l’inquadramento del caso e formulare un appropriato piano terapeutico;
  • colloqui psicologici individuali con il minore e con la coppia genitoriale, finalizzati all’inquadramento psicodiagnostico e all’orientamento psicoterapeutico;
  • colloqui psicologici di sostegno per il paziente ed i familiari;
  • intervento sulle funzioni genitoriali.